TROVA IL TUO IMMOBILE

    

 

RicercaImmobili

Libero o concordato

Inserito il 09/02/2017

Esistono diverse tipologie di contratti di locazione per immobili ad uso abitativo. I due grandi contenitori   sono:

Tipologie di contratto
CANONE CONCORDATO CANONE LIBERO 
- Canone concordato per famiglie   
- Canone concordato per studenti  
- canone concordato uso transitorio   

 

La scelta tra una forma o l'altra dipende da diversi fattori: 
a) necessità di avere l'immobile libero entro un certo numero di anni , in quanto i contratti hanno caratteristiche sia di tempo che di canone diverse, e l'esame sulla effettiva convenienza è una "questione " molto personale legata a molti fattori 

b) volontà di realizzo di un determinato importo 

Tabella delle varie tipologie e tassazioni 

Tipo contratto

Durata

Canone

Tassazione ordinaria

Tassazione con Cedolare

Imu

Contratto libero

4 anni + 4

Libero

95% del canone percepito si somma al resto dei redditi soggetti irpef

21%

Piena (attualmente 1,06%)

Canone concordato per famiglie

3 anni +2

4 anni +2

5 anni +2

6 anni +2

Concordato sulla base degli accordi comunali

66,50% del canone percepito si somma al resto dei redditi soggetti irpef

10% (per tutto il 2017)

agevolata (attualmente il 0,76% ) + 25% di ulteriore riduzione accordata da legge di stabilità

Transitorio per studenti universitari (fuorisede ed iscritti alla Università)

Da 6 mesi a 36 mesi

Concordato sulla base degli accordi comunali

66,50% del canone percepito si somma al resto dei redditi soggetti irpef

10% (per tutto il 2017)

agevolata (attualmente il 0,76% ) + 25% di ulteriore riduzione accordata da legge di stabilità

Transitorio per altre ragioni (es ragioni di lavoro) importante: le ragioni debbono essere “certificate” ed allegate al contratto

Da 1 mese a 18 mesi

Concordato sulla base degli accordi comunali

95% del canone percepito si somma al resto dei redditi soggetti irpef

21%

Piena (attualmente 1,06%) ma con la riduzione del 25% accordata dalla legge di stabilità

La scelta tra l'uno o l'altra va fatta prima di immettere l'immobile sul mercato, in modo da scegliere già il conduttore " ideale" e soprattutto adeguato al risultato che si vuole ottenere